Image default
Cani Gatti Salute

Vaccinazione antirabbica: tutto quello che c’è da sapere

La protezione del nostro fedele amico a quattro zampe è una priorità assoluta per ogni proprietario responsabile. La vaccinazione antirabbica, in particolare, è un’opzione di cura preventiva che merita attenzione e considerazione per chi viaggia spesso. In questo articolo, esploreremo in dettaglio tutto ciò che i possessori di cani e gatti dovrebbero sapere su questo vaccino, garantendo la salute e la sicurezza dei nostri amati compagni pelosi. 

 

L’importanza della vaccinazione antirabbica 

La rabbia è una malattia virale grave che può colpire cani, gatti e, in alcuni casi, anche gli esseri umani. La trasmissione avviene attraverso il morso o il contatto della saliva infetta con mucose o ferite aperte. Questa malattia, causata dal virus della rabbia, colpisce il sistema nervoso centrale dei mammiferi, portando a sintomi gravi e irreversibili.  

La patologia può manifestarsi negli animali tramite una serie di sintomi iniziali, quali ansia e aggressività, spesso trascurati. Col passare del tempo però cominciano a fare la propria comparsa segni neurologici, inclusi spasmi muscolari, paralisi e alterazioni comportamentali estreme, rendendo il trattamento difficile e le probabilità di sopravvivenza estremamente basse. Se l’animale infetto poi trasmette il virus a un essere umano, le conseguenze non sono meno gravi: dopo un periodo variabile di incubazione vi è la comparsa dei sintomi, a cui segue un decorso rapido e letale.   

Oltre alla protezione individuale, la vaccinazione antirabbica svolge quindi un ruolo cruciale nella prevenzione a livello collettivo: contribuisce a mantenere bassa la prevalenza del virus nella popolazione animale, riducendo il rischio di focolai e la possibile esposizione umana. Questa azione preventiva non solo beneficia la comunità a quattro zampe ma anche la sicurezza e la tranquillità delle persone. 

 

Leggi locali e viaggi 

In Italia l’obbligo della vaccinazione antirabbica è cessato nel 2013, anche se i veterinari ne suggeriscono ancora l’applicazione a coloro che vivono nel nord est italiano. Tale decisione è stata motivata dalla quasi totale scomparsa del virus dal nostro Paese. 

Per i viaggi all’estero, invece, la vaccinazione del proprio animale è sempre richiesta. Tale procedura va compiuta per legge almeno 30 giorni prima della partenza, in quanto l’antirabbica viene ritenuta valida solo dopo 21 giorni dall’inoculazione. In caso ciò non sia stato fatto, il nostro compagno di viaggio potrebbe essere costretto a rimanere in quarantena alla frontiera. 

Alcuni Paesi poi, come Irlanda, Svezia e Malta, richiedono anche la titolazione anticorpale. Si tratta di test di verifica degli anticorpi per il virus della rabbia che si effettua tramite un prelievo del sangue dopo la vaccinazione e che viene inviato a un centro specializzato e riconosciuto, il quale rilascia un documento ufficiale. Tale esame per avere un risultato significativo va effettuato 30 giorni dopo la vaccinazione, con un tempo di attesa per la risposta di circa 15 giorni. 

Se pianifichi di viaggiare con il tuo animale domestico, assicurati che la vaccinazione antirabbica sia aggiornata e, nel caso sia necessaria, muoviti per tempo per la titolazione anticorpale. In caso contrario o di intoppi durante gli esami, sarai costretto a lasciarlo a casa o subire un blocco alla frontiera. 

Per i viaggi internazionali, la vaccinazione è richiesta legalmente almeno 30 giorni prima della partenza, con alcune nazioni che richiedono anche la titolazione anticorpale

Quando e come somministrare la vaccinazione antirabbica 

Nel caso in cui dovessimo viaggiare con il nostro animale domestico, dovremmo comunque attendere che quello abbia almeno 12 settimane di vita prima dell’inoculazione. Il periodo che intercorre tra le 12 e le 16 settimane di età, infatti, è il momento in cui il suo sistema immunitario inizia a svilupparsi, creando una risposta immunitaria solida e duratura.  

Il veterinario stabilirà poi, nel caso, un piano di dosaggi di richiamo in base alle vostre necessità di viaggio e alle esigenze specifiche dell’animale: questa periodica valutazione tiene conto di diversi fattori, tra cui il suo stile di vita, l’area geografica in cui vive e le condizioni di potenziale esposizione alla rabbia. 

È essenziale rispettare il programma di vaccinazione raccomandato dal veterinario per garantire un’efficace protezione a lungo termine. La pianificazione della vaccinazione antirabbica non si limita infatti alla somministrazione iniziale in quanto essa ha una validità che varia da 1 a 3 anni. 

 

Effetti collaterali e cura post-vaccinazione 

La maggior parte degli animali non sperimenta effetti collaterali significativi dopo la vaccinazione. Alcuni di loro, tuttavia, potrebbero mostrare lievi sintomi come letargia o sensibilità nel sito di iniezione. Questi sintomi di solito sono una risposta naturale del sistema immunitario all’introduzione di nuovi antigeni e scompaiono entro pochi giorni. Conseguenze più gravi potrebbero insorgere nel caso di un’eventuale allergia alle sostanze presenti nel vaccino. 

Dopo la somministrazione, monitora attentamente il tuo animale domestico per eventuali cambiamenti comportamentali o segni di disagio. In caso sorgano eventuali problematiche, è sempre buona norma contattare il proprio veterinario. 

 

Garanzia di una vacanza felice e sicura per il vostro animale 

Abbiamo quindi avuto modo di venire a conoscenza dei pericoli della rabbia, di ciò che si può fare in merito, delle leggi e delle tempistiche che riguardano il vaccino, per poter fare una scelta oculata in tal senso. In definitiva, non si tratta di un singolo evento, ma parte di un impegno continuo per poter viaggiare in sicurezza con il vostro fedele compagno. 

Consulta il tuo veterinario per pianificare un approccio vaccinale adatto alle esigenze specifiche del tuo animale domestico.

 

Guarda i nostri video 

Puoi trovare ulteriori informazioni nei video che abbiamo pubblicato sull’Academy: 

Articoli correlati

Oltre il vaccino: che cos’è la titolazione anticorpale?

Redazione

Street Food a quattro zampe grazie a Dog Sweet Dog

Redazione

Patentino per cani speciali: Milano è il Comune apripista

Redazione
error: Content is protected !!