Image default
News Wildlife

L’aquila cattura uno stambecco

Claude Romailler, fotografo naturalista Svizzero alle pendici del Grand Chavalard è riuscito a immortalare una scena a dir poco straordinaria. Un’aquila in volo a diverse decine di metri di altezza che trasporta, apparentemente senza particolare fatica, un giovane stambecco tra gli artigli… riuscendo nell’impresa addirittura trattenendolo con solamente una zampa!

© Claude Romailler

La regina dei cieli

L’aquila reale (Aquila chrysaetos) è un rapace appartenente famiglia degli accipitridi abbastanza diffuso in Europa e in Italia (in particolar modo sulle catene montuose come le Alpi o gli Appennini).

Essa può raggiungere un’apertura alare anche fino a 230 cm di ampiezza e un peso corporeo tra i 3 e i 7 kg a seconda dell’età e del sesso. Come in altre specie di rapaci infatti, anche le aquile reali mostrano un evidente dimorfismo sessuale dato dalla significativa differenza di dimensioni tra gli esemplari maschi e le femmine, decisamente più massicce e possenti.

Nonostante le dimensioni notevoli e la forza che permetterebbero la cattura di prede decisamente più grandi (addirittura più del rapace stesso) è raro che l’aquila attacchi animali di grosse dimensioni. Predilige piuttosto piccoli vertebrati come roditori, lagomorfi (lepri e conigli) o columbiformi.

La scelta di attaccare un animale di stazza imponente infatti comporterebbe un rischio troppo alto per l’aquila stessa che, una volta trovatasi a terra con la preda viva, si troverebbe impacciata e quasi indifesa nell’affrontare le potenziali “armi” dell’avversario (Denti, corna, zoccoli…).

Anche per questo gli scatti di Romailler sono così speciali : già è raro riuscire a immortalare un’aquila con la propria preda, figurarsi con una preda come uno stambecco!

Non sappiamo cosa sia accaduto dopo l’avvenimento documentato dal naturalista svizzero ma è realistico ipotizzare un esito letale per lo stambecco sfortunato, ucciso probabilmente non dall’aquila stessa ma da una caduta da quell’altezza.

Indipendentemente da come sia andata a finire l’incontro tra preda e predatore, le foto di Romailler costituiscono un importante documento che ci permette di approfondire e comprendere ancor meglio anche i comportamenti più rari dell’aquila reale.

Claude Romailler l’autore dell’incredibile scatto organizza viaggi in Tanzania tramite Vervet Safari & Tours Africa

Articoli correlati

Premietto o scherzetto?

Redazione

Perché i lupi in Italia rischiano di scomparire?

Redazione

Sì ai cani in ufficio per i dipendenti comunali di Crema

Redazione
error: Content is protected !!