Image default
News

Food for Profit: un confronto con la realtà

Food For Profit è un documentario innovativo che getta luce sui legami oscuri tra l’industria della carne, le lobby e il potere politico. Al cuore della narrazione ci sono i miliardi di euro investiti dall’Europa negli allevamenti intensivi, veri e propri protagonisti di maltrattamenti animali, inquinamento ambientale e potenziali focolai per future pandemie. Attraverso un’avvincente indagine cinematografica, Giulia Innocenzi e Pablo D’Ambrosi ci conducono in un viaggio sconvolgente attraverso l’Europa, confrontandosi con allevatori, multinazionali e politici. 

Giulia Innocenzi, giornalista e conduttrice, è nota soprattutto per le sue indagini investigative negli allevamenti intensivi, in particolare su marchi di rilievo come Fileni e Prosciutto di Parma. Recentemente, ha poi ottenuto l’accesso all’allevamento grattacielo di maiali in Cina, un’operazione sotto copertura che ha catturato l’attenzione di diverse testate internazionali. Pablo D’Ambrosi, regista italo-britannico, è attivo nel mondo del cinema documentaristico dal 2008. Vanta una solida esperienza nei documentari investigativi, avendo contribuito a diverse inchieste di BBC Panorama e a film come This World, che ha conquistato il Prix Europa come miglior documentario di attualità. 

Affiancati da una squadra di investigatori che ha operato sotto copertura negli allevamenti di diversi paesi europei, emergono verità sconcertanti dietro le luci e le ombre dell’industria della carne e del formaggio. Food For Profit non si limita a mostrare l’orrore degli allevamenti intensivi e la complicità politica di chi li protegge, ma affronta coraggiosamente, insieme a esperti internazionali, le gravi problematiche legate a questa forma di produzione industriale: dall’inquinamento delle risorse idriche allo sfruttamento dei migranti, dalla perdita di biodiversità alla resistenza agli antibiotici. 

Il messaggio finale del documentario è chiaro e urgente: è imperativo fermare questo sistema corrotto se vogliamo proteggere il nostro pianeta e garantire un futuro sano per le generazioni future. 

 

Il film è disponibile presso alcune sale, ma è possibile organizzare una sua proiezione seguendo le indicazioni sul loro sito.

Articoli correlati

Street Food a quattro zampe grazie a Dog Sweet Dog

Redazione

Il Lazio vieta di tenere i cani a catena

Redazione

I lupi di Chernobyl: sviluppo sullo studio del cancro

Redazione
error: Content is protected !!