Image default
Benessere Cani

Filaria nel cane: un pericolo da non sottovalutare

La filariosi, comunemente conosciuta come filaria cane, è una malattia parassitaria diffusa tra i cani, causata dai vermi filari. Questi parassiti sono trasmessi attraverso le punture di zanzare infette e possono infettare il sistema cardiopolmonare del cane, causando gravi problemi di salute se non trattati. Diamo quindi un’occhiata più nel dettaglio a questa minaccia per il tuo cane e cosa puoi fare al riguardo. 

 

Che cos’è la filariosi? 

La filariosi cardiopolmonare, o più semplicemente filaria cane, è una grave malattia causata dalla presenza di vermi filari: questi parassiti, noti scientificamente come Dirofilaria immitis, vengono trasmessi principalmente attraverso punture di zanzare infette e hanno un ciclo vitale complesso che coinvolge diverse fasi di sviluppo all’interno del cane e del vettore, ovvero la zanzara. 

Una volta che le larve infettive del parassita vengono trasmesse attraverso la puntura, si dirigono verso i vasi sanguigni del cane, dove si sviluppano gradualmente fino a diventare vermi adulti. Successivamente questi si localizzano principalmente nelle arterie polmonari e nel cuore dell’animale, dove possono causare danni significativi. 

La presenza di questi vermi nel sistema cardiopolmonare del cane può infatti portare a una serie di gravi complicanze, tra cui insufficienza cardiaca, problemi respiratori, danni agli organi e persino la morte se non trattati adeguatamente. La filaria nei cani non solo compromette la salute e il benessere dell’animale, ma può anche rappresentare un rischio per la salute umana, poiché i parassiti possono essere trasmessi agli esseri umani in egual misura. 

 

Filaria cane: sintomi e diagnosi 

I sintomi della filaria cane possono variare a seconda del grado di infezione e della salute generale dell’animale, ma alcuni dei segni comuni possono includere: 

  • Tosse persistente 
  • Difficoltà respiratorie 
  • Affaticamento e letargia 
  • Dimagrimento 
  • Gonfiore addominale 
  • Sincope (svenimento) 
  • Colorazione bluastra delle gengive (indicativa di bassi livelli di ossigeno nel sangue) 

È importante notare che alcuni cani possono essere asintomatici nei primi stadi dell’infezione, il che rende cruciale la diagnosi precoce attraverso test specifici. Uno dei test più comuni in tal senso è il test dell’antigene filare, che rileva la presenza di proteine prodotte dai vermi femmina adulti. Quando eseguito su un campione di sangue del cane, questo esame può fornire indicazioni sulla presenza dei parassiti nel sistema cardiopolmonare ma può produrre risultati falsi negativi, se eseguito durante le prime fasi dell’infezione o se il cane è infetto solo con vermi maschi. 

Possono essere utilizzati anche test delle microfilarie, che rilevano la presenza delle larve immature all’interno del sangue del cane. Tuttavia, questi test possono essere meno affidabili, specialmente nelle aree dove la prevalenza di microfilarie è bassa. In alcuni casi, potrebbe risultare necessario eseguire test aggiuntivi, come ecografie cardiache e radiografie toraciche, per valutare l’estensione del danno ai tessuti e agli organi causati dalla presenza di questi parassiti. 

Se il cane vive in un’area in cui la filaria è endemica o se è stato esposto a zanzare infette durante un viaggio, è importante adottare misure preventive aggiuntive e sottoporlo regolarmente a test per la filaria

Prevenzione della filaria nel cane 

Date le gravi conseguenze che questa malattia può causare, è fondamentale adottare misure preventive efficaci per proteggere i nostri cani dalla minaccia dei parassiti filari. Vi sono alcune strategie che possono essere applicate in tal senso: 

  • Utilizzo di prodotti antiparassitari prescritti dal veterinario, come compresse mensili o collari repellenti per zanzare. 
  • Evitare le aree dove le zanzare sono più abbondanti, specialmente durante le ore serali e notturne. 
  • Mantenere puliti gli ambienti domestici e utilizzare zanzariere per le finestre per ridurre l’accesso delle zanzare agli spazi interni. 

In ogni caso educare i proprietari di cani sull’importanza della prevenzione della filaria e sulle migliori pratiche per proteggere la salute dei loro animali domestici rimane il mezzo principale per ridurre l’incidenza di questa malattia. Informazioni accurate e consapevolezza della filariosi possono aiutare a prendere decisioni informate sulla salute e a lavorare in collaborazione con i veterinari per garantire il benessere dei nostri amici a quattro zampe. 

 

Trattamento della filariosi 

Il trattamento della filaria cane è altamente variabile e dipende dalla gravità dell’infezione e dalle condizioni specifiche dell’animale. Nei casi meno gravi, in cui i vermi filari non hanno ancora causato danni significativi ai tessuti cardiaci e polmonari, il veterinario può optare per una terapia farmacologica mirata: ciò può includere l’uso di farmaci antiparassitari per eliminare i vermi adulti e le larve presenti nel sistema cardiopolmonare dell’animale. La somministrazione di questi segue un protocollo specifico, spesso in più dosi, per garantire l’eradicazione completa dei parassiti. 

Tuttavia, nei casi più gravi in cui l’infestazione è avanzata e ha causato danni significativi al cuore e ai vasi sanguigni polmonari, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere fisicamente i vermi dalle zone infette, ripristinando così la funzionalità cardiopolmonare dell’animale. Questo tipo di operazione richiede competenze specializzate e non è privo rischi, quindi è riservato solo ai casi più critici e deve essere eseguito da un chirurgo veterinario esperto. 

 

Gestire il pericolo della filaria nel cane 

La filaria è una malattia grave che può compromettere la salute e il benessere del tuo cane, ma attraverso strategie di prevenzione, come l’uso di prodotti antiparassitari, e visite veterinarie di controllo periodiche è possibile mantenerlo al sicuro da questa condizione debilitante.  

Tuttavia, se sospetti che il tuo cane possa essere infetto dalla filaria, consulta immediatamente il tuo veterinario per una valutazione e un trattamento appropriato.

Articoli correlati

La ricetta di Halloween per cani

Redazione

Il colpo di calore nel cane: evitarlo, riconoscerlo e trattarlo

Redazione

Invasione della processionaria: proteggi i tuoi animali domestici

Redazione
error: Content is protected !!