Image default
Benessere Benessere Cani Gatti

Come fare il vaccino antirabbico: tempistiche e modalità

Il vaccino antirabbico è una procedura necessaria per poter viaggiare all’estero con il proprio compagno animale. In questo articolo, esploreremo come e quando somministrare questo importante vaccino, fornendo informazioni dettagliate per i proprietari consapevoli. 

 

L’importanza del vaccino antirabbico 

In Italia l’obbligo al vaccino antirabbico è cessato nel 2013, vista la quasi totale scomparsa del virus dal nostro Paese. Tuttavia, tale procedura viene ancora richiesta nel caso in cui si voglia effettuare un viaggio internazionale con uno o più animali domestici.  

In questo caso la vaccinazione deve essere somministrata da un veterinario autorizzato con un anticipo di almeno 30 giorni prima della partenza. Il vaccino antirabbico, infatti, viene ritenuto valido solo dopo 21 giorni dall’inoculazione. 

 

Il processo di somministrazione 

Il primo passo è una visita veterinaria approfondita, durante la quale il veterinario valuterà la salute generale dell’animale e fornirà consigli personalizzati sulla vaccinazione. Bisogna tenere anche in conto che il vaccino antirabbico non può essere somministrato prima delle 12 settimane di vita, periodo nel quale il sistema immunitario del cucciolo inizia a formarsi. 

Il veterinario inietterà il vaccino in una specifica zona del corpo dell’animale. Si tratta di una procedura che generalmente è ben tollerata, ma è possibile che questo possa mostrare lievi sintomi come sensibilità o gonfiore nella zona dell’iniezione. 

Considera sempre che la protezione del vaccino antirabbico inizia 21 giorni dopo l’inoculazione e può durare da 1 a 3 anni

Post-vaccinazione: cosa aspettarsi e cosa fare 

Dopo la somministrazione del vaccino antirabbica, è normale che l’animale possa sentirsi un po’ stanco o avere lievi sintomi localizzati. Questi di solito scompaiono entro pochi giorni. Tuttavia, se noti sintomi più gravi o persistenti, contatta immediatamente il tuo veterinario. 

Mantenere accurati i registri delle vaccinazioni del tuo animale è essenziale. Assicurati di avere sempre a disposizione una copia del certificato di vaccinazione antirabbica, in quanto potrebbe essere richiesto in varie circostanze.  

Nel caso in cui poi i viaggi con il tuo amico a quattro zampe iniziassero a diventare sempre più frequenti, bisognerà stabilire con il veterinario un piano vaccinale efficace. Va tenuto sempre in conto che la validità della vaccinazione inizia solo nel momento in cui l’immunità protettiva viene stabilita (come già detto, 21 giorni dopo l’inoculazione) e ha una durata che varia da 1 a 3 anni 

 

Garantire salute e tranquillità con il vaccino antirabbico 

Il vaccino antirabbico è un passaggio fondamentale se vuoi viaggiare all’estero con il tuo compagno peloso. Conoscere e rispettare le tempistiche necessarie per questo procedimento è la chiave per evitare problemi alla frontiera e fornirgli una protezione efficace.  

Ricorda sempre di consultare il tuo veterinario per qualsiasi domanda o preoccupazione riguardo alla salute del tuo animale domestico. 

Articoli correlati

Dog Fitness: cos’è e come funziona

Redazione

Occuparsi di un cane anziano: guida completa

Redazione

Leishmaniosi, patologia poco conosciuta

Redazione
error: Content is protected !!