Image default
News

Allarme lupi in Lombardia

Secondo gli ultimi dati disponibili, la Regione Lombardia ha stimato la presenza di 21 branchi di lupi, con un totale approssimativo di 100 esemplari sui 3.300 presenti nella nostra penisola. Di questi, circa 8 branchi tendono a spostarsi nell’Oltrepò pavese, mentre 9 preferiscono le zone alpine, con alcuni individui che si spostano anche verso la Svizzera e la provincia di Trento. Inoltre, 4 branchi sono stati localizzati nelle zone di pianura. L’aumento della presenza dei lupi sta generando un crescente allarme, con avvistamenti sempre più frequenti anche nei centri urbani. Si tratta di un fenomeno abbastanza comune quando nelle zone abitate i rifiuti non vengono smaltiti nella maniera corretta: questi rappresentano infatti una fonte di cibo per i grandi mammiferi quando le prede naturali scarseggiano. 

Tutto questo ha innescato un incremento delle richieste di intervento da parte delle istituzioni, con la Lombardia che si trova in prima linea nell’affrontare la questione. Nel corso del 2023, si sono infatti registrate circa un centinaio di predazioni, causando danni stimati intorno ai 700 mila euro. Allo stesso modo la vicinanza dei lupi ai centri abitati costituisce un pericolo per gli stessi: gli incidenti stradali infatti rappresentano tutt’oggi il 52% delle cause di mortalità dei lupi. 

Per affrontare questa situazione, nel 2019 sono state ricevute 59 domande di compensazione da parte delle imprese agricole danneggiate, per un totale di 250 mila euro erogati. Nel 2022, le domande sono state 46, per un totale di 220 mila euro. Si prevede che il prossimo bando, programmato per maggio, preveda una dotazione finanziaria di un milione di euro, destinata agli agricoltori interessati a implementare recinzioni fisse, mobili, elettrificate o meno, per proteggere i propri terreni. 

Possiamo solo auspicare che una corretta informazione e conoscenza di questo magnifico mammifero favorisca la coabitazione, e limiti il più possibile i conflitti e le paure che i lupi provocano spesso nelle persone. 

 

Articoli correlati

Park Therapy e Val di Rabbio: rigenerazione nei boschi

Redazione

Malati di Covid: i cani li scoprono

Redazione

Bulldog inglesi e Cavalier King: allevamenti vietati in Norvegia

Redazione
error: Content is protected !!